BONUS PSICOLOGO 2023

È un contributo messo a disposizione dallo Stato da svolgere presso specialisti iscritti all’albo degli psicologi/psicoterapeuti aderenti a questa iniziativa.

DI COSA SI TRATTA?

È un contributo messo a disposizione dallo Stato da svolgere presso specialisti iscritti all’albo degli psicologi/psicoterapeuti aderenti a questa iniziativa.

Questo contributo è rivolto solo a chi possiede un ISEE inferiore a 50.000 euro.

Già introdotto nell’anno 2022 e riconfermato nell’anno corrente tramite la Legge di Bilancio che ha incrementato la somma erogabile da 600 euro a 1500 euro.

Per richiedere questo bonus, gestito dall’INPS, è attiva una procedura online accessibile tramite il sito internet di questo Ente.

Il Decreto Ministeriale del 31 maggio 2022 e la circolare INPS n° 83 del 19 luglio 2022 hanno disciplinato il funzionamento e le varie istruzioni per la richiesta del bonus.

A CHI SPETTA?

Il bonus spetta a chiunque necessiti di un aiuto a causa di un disturbo di salute mentale causato soprattutto dalle difficoltà riscontrate durante il periodo di pandemia ma anche per disagi creati da situazioni di stress, ansia, depressione e fragilità varie.

Non ci sono limitazioni e vincoli dovuti all’età per accedere alla prestazione.

COME RICHIEDERLO?

La domanda per poter usufruire del bonus dovrà essere effettuata entro un determinato periodo di tempo.

La modalità di richiesta rimarrà molto probabilmente la stessa dell’anno precedente:

  • tramite sito dell’INPS accedendo con lo SPID
  • telefonicamente da rete fissa tramite il numero verde gratuito 803.164 e da rete mobile 06.164164 a pagamento in base all’operatore telefonico

In seguito all’accettazione della domanda, verrà fornito semplicemente un codice da presentare al professionista.

News Correlate

La cessione del credito d’imposta energia e gas

L’art. 1 della Legge 197/2022 ha esteso anche al primo trimestre 2023 l’applicazione dei crediti d’imposta sull’energia elettrica, sul gas e sul carburante, già previsti nell’ultimo trimestre 2022, ma con un incremento pari al 5%.
ammortamento 2022

Ammortamenti 2022: sospensione o modifica?

Sono numerose le imprese che avranno una performance economica negativa nel bilancio del 2022, situazione dovuta a diverse ragioni, tra cui l'elevato aumento dei costi energetici e delle materie prime, nonché le difficoltà di mercato legate al conflitto tra Russia e Ucraina.
tassazione criptovalute

Tassazione delle criptovalute – attività

Da gennaio 2023, invece, è entrato in vigore il versamento di una imposta di bollo pari al 2 per mille del valore complessivo della cripto-attività.